Visual display of the Il medicinal tesoro di poveri : raccolti & esperimentati da diversi eccellentissimi medici d'Italia

					
V4
Awr


F



					
					
					
ittat~~                                   S  z?~Vs~.; ~r


F-



					
					
					
					
					
t-                   ,     , , ,


K



				
					
					
IL Ak
MEDICINALU
TESORO
DI POVERI,
Raccolti ,   efperimentatidadi-
Uerfi Eccellentiimi Me-
dici d'Italia.
4CAC
Stampato in Bologna, &injiterbo,
&r in Ferrara.




					
					
					
SI
A

4,

itt

con
flag

Pi
Ief
Stadi
talt
PI
C lio
*con
on
0a1


K-



					
					
					
SECRETO MIRAS8ILE
aflagnarefubito /al   nue del
nafo, a delle ferite.
LIglia del fanguehumano cauatodalave
na,& fi feccaalsole,poi peftalo,& foppia
con vn canello nl nafo, & (imil alle fcrite,
flagna fubito.
.a guarirefubito una creatura cheflefe male per
caufa divermi.
Piglia tre quattrini di Aloe patico in pol-
uere,& diftepralo con aceto forte,&imbrat-
ta due pezze, & mettinevna fopra il bellico,
& l'altra fopra la partedel cuore, che uedc.
tai mirabile efperienza.
vnguentopepferto d ogniforte dipiaghe.
Piglia fuco di bettonica,fanguedidrago,
oho d'Oliua,& feuo di becco parte egualic
con fuoco lento fan ne vfngucnto,& vfalo ad
ogni forte di piaghe.
secreto raroallafebre quartana.
Mezahoraauanti, chevcnghi la febreA
metra to analato in va letto caldo, & bea
coperto, tanto che fuda, poi piglia olio di
icorpioneben caldo, & ongelila piantade
piedichc con iainte di Dio in tre yolte gua
rird.
A~         a




					
					
					
Afarubito ceffire la doglia della teflta
Accip cacquadimzorana,& mettila m v-
na fkudella poi mettili dentro it nab, &tira      opn
il fiato,che entri iacqua nel nafo,checeffarl    co
incontinen'te it dolore, & e prouato.            pOCI
* imedioaltatoffe,&flretvuradi petto.
Recipe fichi fecchi,& hyfopo ben peffo:         R
fabollire con miele crudo,& beuilo ' digia-      drar
no,chc ferue' l'uno e Paltro.                   fatti
Scccreto per i calli de'piedi.         tilm
Ponendo cera roifa ne vederai 1'efperienza.     lofc
4 difcacciar li porri in ognilu.o      con
R   iecipe  rcie di vida,aceto forte, & fa vn  uin
guentco,& mttilo fopra i porri, & vedrai mi
Tabi! cftetto.
erfanar lafcottatura dlfuoco.
Pigliatafecondafcorza del fambuc6 ,          car(
falLa Gollire in ogiio d'oliua con vn poco di    didi
cranoua,& ongeraila fcottaturae ponifo          no(
pa carta daf crincre&& farai vna -uolta il gior  ouc
no,in breue fera fnato.                        fu
Secretoa uariregl'occbilacbrimofi,& chiha    ton
ueffc la vifta rurbata.            eco
Piglia dui bicchicri di vin bilco, & lo met   dac
terai in an baccile di lottone, con an pugno
di formento inrtiero, & quefto lafcierai per      (
v ti gorno,& ua notte alta ferena,& di iuC       fani
-to vino lauerai grocchi, & yedaimiirabile       to.,
ffeA to.f
Afar


I-



					
					
					
-f are bona memoria.
'in V.   Beuendo vn'onzia d'acqua di Buguloth
ti     ogni mattina, fa buona memoria, gioua an-
:CffariT  cor affai zenzeuero candido piglianoone va
poco la mattina.
Vna poluere mirabile alli taroli del membro.
eto      Recipe Tu tia, Ireos,& incenfo di cialcuno
dig     dramma meza, Barbafiluam dram. z. fecco.
fatto in poluerenetti ogni cofa Ihieme fbt
tilmentefpoluerizate,poi'adopra,ponEdo-
Io fopra detti taroli, o altro maledi mebro:
con I unguentoditutia, chee unacofadi-
tn aina &   prouata.
11Rimedio ottino allagomorrea~flue alla
fcolatura.
Lecipe mille folio qua nto vuoi: fallo fec-
care,& fanne poluere, poi togli dui dramme
Ocodi   di dctta poucre, & una dramma di bolarme
on fo   no orientale, e nietri intieme,e poi togli vn'.
iOgioT  ouo frefco,& metti una dranima di detta mi
fura ne!l'ouo,& habbi vn coppo, ouer mar-
ibk     tone affocato,& facilo cuocere,fopra, come
e cottomangialo,& apprclio beu ia gotto
1os     d'acqua di grafibla.
l .Almal di mil7,a.
raio      Ciii haueffe mal di milza, togli baccara,&
d1      fanne fuco,& beuilo noue di, & tars libera-
itbl to. Ancora togli Icorze di legno di fraisino,
& fa bolfire in vino ,& di quel vinbeu &




					
					
					
chi pronaffe di queflo a un porcocioecuo-  lk
cerc it fraisino in Pacqua,6 dagliela a benere
tre di, & poi lo mangia,non trouerai milza
in corpo. Ancora Fc Pinfiatura foffe fopra la
milza,togli radicedi ortica:& piftala,& mefti  i
ca con vin bianco,& mettidoue Cinfiato,&     l
guaririccrtifsimo.                         ti
Ter it mal di madrice.            to
Togli bettonica, & cuocila in latte di ca-  di
pra,& fungia di porco, & daglielo I mangia- l
rc,8 fera grata. Ancora fe la donna haueffc
flufflo di fangue delta natura.toglidelle rane
che itanno per li pratio per li arbori, & que.
fte rane falle portarealla donna ,& fin chele
portard non haueri flulfo di fangue Di que  U
fte rane fe nevuole far cenere, & fe tu vuoi
prouar quefla coCa, piglia di quefta pol ucre,
&appicala alcolloaunagailina, &lafciala .
flareundi: poiglitagliailcollo,&nonufci.
ri gocciadilangue. Ancora fe tu vuoifta..
gnareillfangue alla donna: toglifiordiztic-
che & fior di noce,& fanne polucre,&daglic
lo a beuere la mattina con vn'ouofrefcho.    g
Ancora togli corno di ccruo, &fallobrufa   it
re tanto,ehe diuenti cenere,& di queltacene  If
re dagli a bcucre con uin accchio la ter a &l
mattina.
Ter dolor di corpo.
Toglifoglic di perfichi, Cpcftale bene,
Poi




					
					
					
poi habbi dui coppi caldi,& mctti fufo que-
10u  fle foglie & coficalde mettile foprail corpo,
abftc   & caccia uia ogni dolore, & anazza i uermi.
.4 chiarire -nafuspicione diveneno.
for*h     Setuhailofpettodiniflun ueneno, cheid
Amd   in tauola,6 in Ia minefitra,o in altra cofa, to-
11    gli unatazza diricalco,ouer di peltro,& met
tila in tauola,& fel Ifara alcun ueneno, fu bi-
touedraimutarlatazzain molticolori,&in
1810. diuerfe righe: & quanto pia gliguardi,piu
.  Ia uedrai mutate, 6& all'hora ti guarderai di
hIet    mangiareo bcucre cofa che fia in tanola.
llma     Terfar rompere lapietra delle renepreflo,
&y.&farlornar.
nchkl     Tutta unalepre fia afa in una caldarano.
Di p    ua,ouero in una oignatta ferrata bene,& far
u   i epoluere: & pigliando in uino bianco, o.
ilut,   ucro in brodo di ccci, uedrai beneficio ma-
Add    ranigliolo.
uli.      Oglio perfettiff mo perfordita d'oreccbie,
o01.       & fi puo adoperare a queflo modo.
like.     In prima farcui purgare il capo dal uoffro'
4gli   Fifico, & dapoi adopcrate il fottofcritto o-
gho,    glio in quelto modo,prima nettate bene nel
ruri    lorecchic,cpoibagnaredel bombacemu-         9
cent  fchiato in detto olio & mettetelo dentro de
le orecchie fera & mattina, che ucderetc gra-
deciperienza.
L'oglio 1i e queflo,piglia ogilo di man do.
le ama-




					
					
					
*we
icamare ,&un'onzaemeza di catoreo,&
meza drama d'eleboro negro, & uno fcro-
pulo di fiele di Bae,due dramnie,& fatte bol
lire tutto infiemefino che i confumiil fiele,
& poi colatelo, & adoperatelo,che nerefta-
retefotisfatti.
Secreto per guarire il mal della colera, &tegna.
Piglia cera noua, & trementina, bottiro
frefco,& olio d'oliua parte eguafi, incorpo-
rea ogni cofa al fuoco lento di carboni in v-
na fcudella di terra noua~e poi Icuata dal fuo
co cauaquella fchiuma, & Iaffaraffredare
poi metti i qualche uafo di latta, a terra,poi
ti ongerai una fera fi,& l'altra nb, in terminc
di tre giorni fanari ogni lepra, & colera &
nel termine di nenti giorni la tegna, lauati-
doti d'acquafatta con la maluacrufca, ole
mela diformento,ciot quando ti ongerai.
IL   FIN E.


F-



					
					
					
ottiro
:Orpo.
niiy
Whfo
cdim.
a.,




					
					
					
.........                                                               I        I-




				
					
					
					
					
Aar,


K